Misurazioni banda stretta

Misurazioni a banda stretta: identificare le sorgenti di campi elettromagnetici

Le misurazioni a banda stretta rappresentano un metodo di analisi dei campi elettromagnetici di dettaglio. La strumentazione infatti è in grado di definire il contributo di ogni frequenza al campo elettromagnetico totale. Le misure di campo elettromagnetico in banda stretta consentono quindi di misurare i vari contributi di emissione delle sorgenti conoscendone la frequenza.

banda strettaLe misurazioni a banda stretta di campi elettromagnetici sono più onerose delle misura a banda larga in termini di tempo, di strumentazione e di complessità.
Sono presenti però evidenti vantaggi: per esempio rendono possibile individuare, identificare e caratterizzare, tramite antenna direzionale, le singole sorgenti – incluse quelle sconosciute – e il loro tipo di emissione.

Molte normative regionali richiedono le misurazioni a banda stretta in fase di collaudo delle emissioni delle stazioni Radio Base (ad esempio la Regione Liguria) oppure nel caso in cui la misura in banda larga abbia evidenziato un valore superiore al 75% del valore di attenzione. Permettono inoltre di calcolare, con opportuni algoritmi di calcolo, il valore di campo elettromagnetico massimo generabile da un impianto.
Questo ultimo punto permette di impiegare le misurazioni in banda stretta per valutare la conformità di un impianto in condizioni di massimo utilizzo e delle stazioni radio base telefoniche, che presentano delle caratteristiche di emissione dipendenti dal loro carico istantaneo.

S.T.A. Studio Tecnico Ambientale srl con la sua strumentazione certificata ha potuto effettuare nel corso degli ultimi quindici anni centinaia di rilievi.
Le misurazioni in banda stretta sono state effettuate essenzialmente per fini ambientali, come collaudo di stazioni radio base, per monitoraggio ambientale su incarico di enti pubblici, al fine di individuare possibili fattori di rischio o di disturbo per clienti privati.
Le misurazioni in banda stretta di campo elettrico, magnetico ed elettromagnetico, permettono di effettuare valutazioni di impatto ambientale (V.I.A.) e valutazioni del rischio elettromagnetico per il personale professionalmente esposto, secondo quanto prescritto dal D. Lgs. 81/2008.