Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali

Il Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali (DUVRI): strumento per valutare i rischi derivanti dalle interferenze reciproche

L’introduzione dell’obbligo di redazione del DUVRI, il Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali, risale al 2007, ma i concetti di fondo riprendono l’articolo 7 del D.Lsg 626/94. Nel testo unico non si ritrova l’acronimo DUVRI, ma questo è ormai entrato nell’uso corrente.

Il Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali deve essere predisposto da ogni committente, pubblico o privato, che appalti forniture di beni o servizi la cui durata sia superiore, nell’arco di un anno, a 5 giorni/uomo.
Rimangono escluse dall’obbligo di redazione del DUVRI esclusivamente le attività puramente intellettuali e la fornitura di beni e servizi essenziali (acqua, luce, gas).
È importante rilevare che il DUVRI è un documento riferito ad uno specifico appalto e non ad una struttura.
Il documento sarà unico per imprese che si trovano a operare contemporaneamente nel medesimo luogo di lavoro.

Il Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali valuta quindi i rischi derivanti dalle interferenze reciproche (generate da impresa appaltante e da impresa appaltatrice) e indica le  misure adottate per eliminare i rischi da interferenza.
Preliminarmente alla redazione del DUVRI e in ogni caso di affidamento di appalti di contratto d’opera e forniture di beni e servizi, il Datore di Lavoro è tenuto alla verifica dell’idoneità tecnica e professionale della ditta appaltante con particolare riferimento alle tematiche di conformità alle norme di sicurezza dell’azienda stessa e alle coperture assicurative.

Il Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali è un documento dinamico e come tale soggetto ad aggiornamento.
Devono essere periodicamente istituite delle riunioni di coordinamento che verifichino l’efficacia delle misure di prevenzione e protezione adottate.

S.T.A. Studio Tecnico Ambientale srl da anni affianca ditte pubbliche e private nella gestione delle problematiche legate ai contratti d’opera o di fornitura di beni e servizi, svolgendo un’attività attenta dalla fase di verifica dell’idoneità tecnico-professionale fino al coordinamento per i servizi di più lunga durata.