Rischio vibrazioni

Rischio vibrazioni: sistema mano-braccio o total body?

rischio vibrazioniIl rischio vibrazioni, introdotto recentemente dalla normativa, può interessare in maniera differente il sistema mano-braccio o il corpo nella totalità (total body). Quindi, nel corso della valutazione del rischio vibrazioni, è possibile distinguere due criteri di rischio: il primo interessa le vibrazioni con bassa frequenza, tipiche ad esempio degli autisti e dei conducenti di veicoli in genere, mentre il secondo interessa le vibrazioni con alta frequenza, tipiche delle lavorazioni che utilizzano attrezzi manuali a percussione.

Nel corso della valutazione del rischio vibrazioni vengono analizzate le caratteristiche e le condizioni con cui queste vengono trasmesse: estensione della zona di contatto con l’oggetto che vibra (mani, piedi, glutei, …), frequenza della vibrazione, direzione di propagazione, tempo di esposizione.
Le vibrazioni hanno effetti nocivi che interessano nella maggior parte dei casi le ossa e le articolazioni della mano, del polso e del gomito.

A seguito della valutazione del rischio vibrazioni devono essere messe in atto misure di prevenzione fondate su provvedimenti di tipo tecnico, organizzativo, provvedendo nei casi previsti all’organizzazione della sorveglianza sanitaria.
Le misure di ordine tecnico devono tendere a diminuire il livello di vibrazioni prodotte da macchine e attrezzi e solo successivamente a limitarne la propagazione diretta e indiretta sull’individuo, ad esempio tramite l’utilizzo di adeguati dispositivi di protezione individuale.

La valutazione del rischio vibrazioni prevede il confronto tra i valori misurati o dedotti dalle banche dati con i valori limite di legge, distinguendo tra valori limite di azione, da cui decorre l’obbligo di sorveglianza sanitaria, e valori limite di esposizione, valori che non possono essere superati.

> Per le vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio:

  • Valore limite di esposizione giornaliero (giornata lavorativa di 8 h): 5 m/s2
  • Valore d’azione giornaliero (giornata lavorativa di 8 h): 2,5 m/s2

> Per le vibrazioni trasmesse al corpo intero:

  • Valore limite di esposizione giornaliero (giornata lavorativa di 8 h): 1,15 m/s2
  • Valore d’azione giornaliero (giornata lavorativa di 8 h): 0,5 m/ s2

S.T.A. Studio Tecnico Ambientale srl è in grado di fornire un supporto puntuale e competente al datore di lavoro in fase di valutazione del rischio vibrazioni e nella messa a punto di misure di prevenzione e protezione specifiche sulla base della realtà lavorativa.