Valutazione movimentazione manuale dei carichi

Rischio da Movimentazione Manuale dei Carichi (MMC): modelli di valutazione

Il rischio da movimentazione manuale dei carichi (MMC) è uno dei più ricorrenti nelle attività produttive manifatturiere e di servizio.
La valutazione del rischio Movimentazione Manuale dei Carichi (MMC) non è sempre agevole, soprattutto quando riferita ad attività particolarmente variabili nella modalità di esecuzione.

Spesso, per questo motivo, i datori di lavoro identificano una presenza/assenza del rischio da Movimentazione Manuale dei Carichi, senza tenere conto invece delle basi tecniche della valutazione dei rischi.
S.T.A. Studio Tecnico Ambientale srl è in grado di utilizzare, a seconda dell’attività svolta dall’azienda cliente, i metodi più appropriati per la valutazione.
Tra questi ricordiamo i principali metodi utilizzati per la valutazione del Rischio da Movimentazione Manuale dei Carichi (MMC):

  • Metodo NIOSH utilizzato per la valutazione del rischio di movimentazione manuale dei carichi in attività di sollevamento carichi;
  • Metodo Snook e Ciriello utilizzato per la valutazione del rischio di movimentazione manuale dei carichi in attività in cui la movimentazione è effettuata con attività di traino e spinta;
  • Metodo MAPO utilizzato nelle strutture sanitarie e assistenziali per valutare il rischio da movimentazione manuale dei carichi nelle attività di movimentazione assistita di pazienti ospedalizzati.

Inoltre la valutazione, ove applicabile, fa sempre riferimento alle norme tecniche (fondamentali quelle della serie ISO 11228 parti 1-2-3).
Nei casi non specificatamente previsti, costituiscono un riferimento le buone prassi e linee guida.

Le norme tecniche di riferimento sono:

  • ISO 11228-1 Ergonomics-Manual handling-lifting and carrying;
  • ISO 11228-2 Ergonomics-Manual handling-pushing and polling;
  • ISO 11228-3 Ergonomics-Manual handling- handling of low loads at high frequency;
  • UNI EN (direttiva “macchine”) UNI EN 1005-2 “Sicurezza del macchinario; prestazione fisica umana, movimentazione manuale di macchinario e di parti componenti il macchinario”.

È bene sottolineare che il D.Lgs. 81/08 fa espresso riferimento, nel titolo che tratta della valutazione del rischio da movimentazione manuale dei carichi (MMC), alla norma tecnica ISO 11228-1 che indica come peso massimo di riferimento (costante di peso) da sollevare in condizioni di lavoro ottimali, in grado di proteggere l’85% della popolazione lavorativa adulta (95% degli uomini e il 70% delle donne), il peso di 25 kg.