Tag Archives: inquinamento acustico

collaudo acustico degli edifici nuova normativa
Ultime news

Collaudo acustico degli edifici: nuova normativa ambientale, via all’armonizzazione delle norme

Collaudo acustico degli edifici: ridefinite le norme e le competenze.

Il governo ha emanato il D.Lgs. n. 41/2017D.Lgs. n.42/2017 adeguandosi  alla disciplina UE in materia di (rispettivamente) macchine rumorose operanti all’aperto e rumore ambientale.

L’entrata in vigore del D.Lgs 42 /2017 il 19 aprile 2017 propone una nuova armonizzazione della normativa in materia di inquinamento acustico. I criteri generali per l’esercizio della professione di tecnico competente in acustica passano da Regionali a Nazionali, con l’istituzione di apposito albo nazionale e l’obbligo di aggiornamento periodico.

In tutta Italia avremo così i requisiti e le modalità per l’iscrizione, così come le modalità di mantenimento di tale professione, uniformi su tutto il territorio nazionale.

Già la Legge 26 ottobre 1995, n. 447, individuava, come unici autorizzati ad effettuare  le misure di verifica delle prestazioni in opera, i professionisti abilitati e iscritti negli appositi albi regionali.

Le misurazioni di collaudo non sono sempre state effettuate, nonostante la norma UNI 11367 del 2010 definisca invece una procedura per la classificazione acustica degli edifici, le modalità di effettuazione delle misure fonometriche e stabilisca che, dal 2011, debbano essere obbligatoriamente certificati.

Il Collaudatore acustico deve effettuare correttamente le misurazioni per la verifica in opera dei parametri i acustici stabiliti dal D.P.C.M. 5 dicembre 1997.

È bene ricordare che il collaudo è valido soltanto per le parti sottoposte a verifica e che quindi il tecnico deve indicare in modo preciso ove sono state effettuate le misure.  Il certificato di collaudo, in cui il tecnico si assume la responsabilità di garantire il rispetto della norma, non può essere esteso per analogia ad altre porzioni dell’edificio.

Sempre più Comuni richiedono, per rilasciare l’agibilità, che la dichiarazione del direttore lavori, in cui si comunica che la costruzione rispetta tutti gli obblighi di legge, comprenda l’effettuata verifica dei requisiti acustici.

Il valore legale della certificazione è data dalla firma del Tecnico Competente in Acustica Ambientale.

Per maggiori informazioni sulla nuova normativa ambientale in merito al collaudo acustico degli edifici, S.T.A. Studio Tecnico Ambientale Srl è a Vostra disposizione.

Read More